Mondo

Next Generation EU, cosa serve all’Europa (e all’Italia) digitale?

di Alberto Magnani

Uno dei pilastri del Dispositivo per la ripresa e la resilienza, il fondo da 672,5 miliardi di Next Generation Eu, è la “trasformazione digitale” delle economie Ue. Sulla carta, almeno: come si possono sfruttare i miliardi in arrivo da Bruxelles per colmare vecchi gap o lanciare ex novo settori innovativi, inclusa l'intelligenza artificiale? Ne abbiamo parlato con Alessandra Basso (europarlamentare Lega e membro della Commissione speciale sull'intelligenza artificiale) Brando Benifei (capo delegazione Pd al Parlamento europeo e membro della Commissione speciale sull'intelligenza artificiale), Luca De Biase (caporedattore Nòva – Il Sole 24 Ore), Vincenzo Tiani (Partner di Panetta & Associati e Membro del Board di Hermes Center for Transparency & Digital Human Rights).
Riproduzione riservata ©
loading...