Mondo

Muratov: Nobel non è il mio, ma di Politkovskaja e di altri

Milano, 8 ott. (askanews) - "È il premio ad Anna Politkovskaja, non il mio". Lo ha detto raggiunto telefonicamente da askanews Dmitrij Muratov vincitore del premio Nobel per la Pace insieme con Maria Ressa.

L'emozione è palpabile. Qualcosa che ricorda altri tempi. Il direttore di Novaja Gazeta ci dice che è sommerso dagli impegni, ma trova un attimo per noi. Ed è il primo commento dopo la notizia. "Questo premio è di Yuri Shchekochikhin, Igor Domnikov e di Stas Markelov" ha detto Muratov. "Questo premio è di Anastasija Baburova e di Natalia Estemirova. Ecco quello che sento. E davvero io sento questo".

Oltre alla Politkovskaja, Muratov ha indicato anche altre persone uccise, che a suo modo di vedere sono i veri destinatari del premio. Muratov in sostanza ha ricordato i 6 giornalisti di Novaja Gazeta che secondo il giornale sono stati uccisi per le loro attività professionali. Questi sono Igor Domnikov (ucciso nel 2000), Yuri Shchekochikhin (2003), Anna Politkovskaya appunto (2006), Anastasia Baburova (2009), nonché l'avvocato Stanislav Markelov (2009) e l'attivista per i diritti umani, dipendente di Memorial Natalya Estemirova (2009) che ha lavorato a lungo con la redazione di Novaja Gazeta.

Muratov ha anche annunciato che intende trasferire parte del Premio Nobel alla Fondazione Krug Dobra, che aiuta i bambini affetti da malattie gravi e rare. Il Cremlino si è subito congratulato con il direttore di Novaya Gazeta.

L'annuncio del premio cade all'indomani dell'anniversario dell'uccisione della Politkovskaja: il 7 ottobre erano i 15 anni dalla morte. "La continua impunità per coloro che hanno ordinato l'omicidio della Politkovskaya mina la libertà di parola, la libertà di stampa e i più ampi diritti umani in Russia" ha scritto ieri il segretario di Stato Usa Antony Blinken. "Mentre commemoriamo l'eredità della Politkovskaya, riconosciamo il coraggio e la tenacia dei giornalisti russi indipendenti - molti ingiustamente designati come "agenti stranieri" - che lavorano oggi di fronte alla repressione. Siamo con loro oggi e ogni giorno", ha chiosato.

Intervista di Cristina Giuliano

Montaggio a cura di askanews

Immagini Afp, askanews, Internet

Riproduzione riservata ©
loading...