Mondo

Coronavirus, in Lombardia sono arrivati medici da Cuba

Roma, 22 mar. (askanews) - Nuovi aiuti dall'estero per affrontare l'emergenza coronavirus. Dopo i cinesi, sono sbarcati a Malpensa 37 medici e 15 infermieri cubani pronti ad affiancare gli operatori sanitari degli ospedali lombardi, ormai allo stremo. Tutti con guanti e mascherine e molti con bandierine dell'Italia in mano, si sono detti felici di poter dare il loro contributo in questa drammatica situazione.

Ad accoglierli in aeroporto c'era tra gli altri anche il vicepresidente della Lombardia Fabrizio Sala. Il presidente Attilio Fontana ha telefonato all'ambasciatore cubano in Italia, Josè Carlo Rodriguez Ruiz, per ringraziare Cuba per la grande disponibilità ad aiutare la Regione.

Nel gruppo di medici partiti da L'Avana ci sono 23 specialisti in medicina generale integrale (MGI), 3 pneumologi, 3 intensivisti, 3 specialisti in malattie infettive e 3 specialisti di emergenza, a cui si aggiungono 15 infermieri. In totale, 52 esperti, con esperienza nelle emergenze sanitarie in vari paesi, alcuni hanno fronteggiato anche l'epidemia di Ebola nel 2014 in Africa. I medici che andranno a Crema hanno detto che si fermeranno in Italia fino a che ci sarà bisogno.

Riproduzione riservata ©
loading...