Mondo

Cina, dal 2017 costruiti 380 campi di detenzione nello Xinjiang

Milano, 24 set. (askanews) - Dal 2017 a oggi la Cina ha costruito 380 campi di internamento nella regione dello Xinjiang. A dichiararlo Australian Strategic Policy Institute, che grazie a uno studio e a riprese aeree ha potuto documentare questo vero e proprio boom di strutture detentive in una regione con forte presenza musulmana.

Lo Xinjiang Data Project riunisce una ricerca empirica rigorosa sulla situazione dei diritti umani per gli uiguri e altre nazionalità non Han nella Cina occidentale. Si concentra su campi di internamento di massa, sorveglianza e tecnologie emergenti, lavoro forzato e catene di approvvigionamento, campagna di "rieducazione", distruzione culturale deliberata e altre questioni relative ai diritti umani. "Uno dei metodi più efficaci per compilare il nostro database - scrivono gli autori - è stato l'esame delle immagini satellitari notturne dello Xinjiang, che ci ha permesso di vedere nuove strutture di detenzione con luci notturne luminose che sono state costruite nel deserto dal 2017".

Riproduzione riservata ©
loading...