La modella Gigi Hadid interpreta una donna separata da poco dal compagno, che vive in solitudine in una torre di vetro e ha nello stilista Alexander Wang l'unico amico e confidente: “Penso ci sia un po' di malinconia in queste immagini - ha spiegato Watson -. Con il personaggio di Gigi Hadid volevo trasmettere la percezione di una donna che pensa al futuro, ma anche un senso di solitudine. La vediamo che pensa a dove andrà nella vita, a che cosa farà domani. Volevo che fosse molto più “minimalista” delle altre donne che ho fotografato e dei loro ambienti”.   

Moda

I sogni delle donne nel Calendario Pirelli 2019

Si intitola “Dreaming” il Calendario Pirelli 2019, giunto alla sua quarantaseiesima edizione e scattato da Albert Watson ad aprile tra Miami e New York: una sequenza di fotogrammi che narra le storie di personaggi interpretati da Gigi Hadid, affiancata da Alexander Wang, Julia Garner, Misty Copeland con Calvin Royal III e Laetitia Casta insieme a Sergei Polunin. Quaranta scatti a colori e in bianco e nero in formato 16:9 ispirati dalla passione di Albert Watson per il cinema. «Quando mi sono avvicinato a questo progetto – spiega Watson - volevo farlo in modo diverso dagli altri fotografi e mi sono chiesto quale fosse il modo migliore. Alla fine ho ricercato delle immagini che fossero qualitativamente pregevoli, avessero profondità e raccontassero delle storie. Volevo fare qualcosa di più che non semplicemente ritrarre delle persone, volevo far sembrare il tutto più simile a dei “fermi immagine” cinematografici. Vorrei che le persone, guardando il Calendario, capissero che il mio obiettivo era fare pura fotografia, esplorare le donne che stavo fotografando e creare una situazione che proponesse una visione positiva delle donne di oggi. Ciascuna delle quattro donne - prosegue il fotografo - ha un’individualità a sé stante, un suo specifico scopo nella vita e un proprio modo di fare le cose. E tutte sono concentrate sul loro futuro. Quindi, il tema di fondo è quello dei “sogni”, ma l’idea alla base dell’intero progetto è il racconto attraverso quattro “piccoli film”».

Riproduzione riservata ©