Per anni, Facebook ha dato ad alcune delle più grandi aziende tecnologiche al mondo un accesso privilegiato ai dati personali degli utenti. Una specie di pacchetto all-inclusive, dove gli optional erano le informazioni riservate di milioni di persone. Lo svela un’approfondita inchiesta del New York Times