Cinquantacinque pagine che non lasciano scampo. E che forse raccontano una realtà già nota: i servizi gratuiti che quotidianamente Google offre a miliardi di persone in tutto il mondo, poi così gratuiti non sono. La moneta con la quale paghiamo l'utilizzo di Android, Gmail, Google Maps e tutto il resto, altro non è che i nostri dati. Il colosso di Mountain View ci conosce meglio di chiunque altro. E il dossier dal titolo “Google Data Collection”, firmato dal professor Douglas Schmidt, lo racconta benissimo. Schmidt, che ironia della sorte ha lo stesso cognome dell'ex amministratore delegato di Google (Eric Schmidt, ndr) è un docente di Computer Science alla Vanderbilt University, ateneo con sede a Nashville, in Tennessee...continua a leggere l’articolo “Che cosa sa Google di noi: così gli smartphone Android ci tracciano anche quando non li usiamo” (di Biagio Simonetta)

VIDEO / La maxi multa Ue a Google per Android spiegata in 9 punti (di Luca Salvioli)

ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO
Google, multa record dall'Europa: 4,3 miliardi di euro per Android (di Alberto Magnani)
La Commissione europea ha inflitto a Google una maximulta da 4,3 miliardi di euro per l'abuso di posizione dominante esercitato dal suo sistema operativo mobile, Android. La sanzione, la più alta mai imposta a un'azienda, è stata annunciata a Bruxelles dalla commissaria alla Concorrenza Margrethe Vestager, confermando i rumor già circolati in mattinata sulla stampa internazionale. Ora l'azienda ha 90 giorni di tempo per adeguarsi o rischia ulteriori sanzioni, pari al 5% dei ricavi medi giornalieri di Alphabet, la holding che controlla Big G. Vestager, secondo quanto riporta l'agenzia americana Bloomberg, aveva già allertato il ceo di Google Sundar Pichai, con una telefonata privata in attesa della conferenza stampa di oggi...continua a leggere »