Tecnologia

Spazio, la Nasa sostituirà 6 degli 8 pannelli solari dell'ISS

Milano, 12 gen. (askanews) - A partire dal 2021 la Nasa sostituirà 6 degli 8 pannelli solari della Stazione spaziale internazionale, in orbita da oltre 20 anni intorno alla Terra, a 400 km d'altezza. Lo farà attraverso 3 missioni di rifornimento condotte con la navetta cargo Dragon della compagnia spaziale privata americana SpaceX, con la quale è stato firmato un apposito contratto.

Progettata per una durata di servizio di 15 anni, la prima coppia di pannelli solari dell'Iss in realtà funziona ininterrottamente dal dicembre del 2000. Coppie aggiuntive sono state consegnate e attivate nel settembre del 2006, nel giugno del 2007 e nel marzo del 2009.

Sebbene funzionino ancora - scrive la Nasa - gli attuali pannelli solari cominciano a mostrare primi segni di degrado, come d'altronde era previsto. Per garantire quindi il mantenimento di un'alimentazione sufficiente per il funzionamento della base orbitante, anche in vista delle future missioni Artemis verso la Luna e per il previsto utilizzo "commerciale" dell'Iss, in collaborazione con la Axiom, attraverso moduli dedicati, costruiti in Italia, la Nasa alimenterà 6 degli 8 canali di approvvigionamento energetico della Stazione spaziale con nuovi pannelli solari.

Sarà la Boeing a realizzare i 6 nuovi pannelli solari, capaci di generare fino a 120 kilowatt (120.000 watt) di potenza, a cui si aggiungerà l'elettricità prodotta dalla rimanente coppia di "vecchi" pannelli (circa 95 kilowatt), per un totale di 215 kilowatt (215.000 watt) di potenza disponibile.

I nuovi pannelli solari saranno portati sulla Stazione Spaziale Internazionale a coppie dal veicolo spaziale cargo SpaceX Dragon durante tre missioni di rifornimento. L'installazione di ciascuna coppia richiederà due attività extraveicolari (le "passeggiate spaziali"): una per preparare il "cantiere" con un kit di modifica e un'altra per l'installazione vera e propria.

Riproduzione riservata ©
loading...