Tecnologia

Spazio, la Nasa chiama una pietra su Marte "Rolling Stones Rock"

  • 00:55

Milano, 23 ago. (askanews) - Una roccia su Marte è stata battezzata "Rolling Stones rock" e ad annunciarlo è stato Iron-man in persona cioé l'attore Robert Downey Jr. Per decenni, la musica dei Rolling Stones ha avuto una portata globale qui sulla Terra. Ora, l'influenza della band si estende fino a Marte. Il team dietro il lander InSight della NASA ha battezzato una formazione rocciosa sul pianeta in onore della band.

I Rolling Stones - Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts e Ronnie Wood - sono stati entusiasti della notizia e hanno commentato: "Che modo meraviglioso per celebrare il tour "Stones No Filter" in arrivo a Pasadena. Questo è sicuramente un traguardo nella nostra lunga storia ricca di eventi. Un enorme grazie a tutti alla NASA per averla resa possibile."

Leggermente più grande di una pallina da golf, la roccia sembra aver rotolato di circa 1 metro il 26 novembre 2018, spinta dai propulsori di InSight mentre l'astronave atterrava su Marte per studiare l'interno profondo del Pianeta Rosso

Nelle immagini scattate da InSight il giorno successivo, è possibile vedere diversi punti nel terreno rosso-arancione che tracciano il percorso della Rolling Stones Rock, il più lungo percorso di una roccia osservato dalla NASA al momento dell atterraggio con un veicolo spaziale su un altro pianeta.

"Il nome Rolling Stones Rock si adatta perfettamente", ha dichiarato Lori Glaze, direttore della Planetary Science Division della NASA a Washington. "Parte della missione della NASA è condividere il nostro lavoro con un pubblico vario. Quando abbiamo scoperto che gli Stones sarebbero stati a Pasadena, onorarli sembrava un modo divertente per entrare in contatto con i fan di tutto il mondo".

L'interprete cinematografico di Iron-man, Robert Downey Jr. ha annunciato l evento giovedì 22 agosto al Rose Bowl Stadium di Pasadena prima che l'iconica band salisse sul palco. Nel backstage prima di fare l'annuncio, Downey ha detto: "L impollinazione incrociata tra la scienza e una band rock leggendaria è sempre un ottima cosa".

La missione InSight è guidata dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, che dista solo pochi passi dal Rose Bowl di Pasadena. Avendo aiutato la NASA a sbarcare tutte le sue missioni su Marte dal 1997, anche il geologo Matt Golombek della JPL è una e propria "roccia" star. Lui ed altri scienziati contano le rocce e valutano la sicurezza dei potenziali siti di atterraggio.

"Ho visto molte rocce di Marte durante la mia carriera", ha detto Golombek. "Questa probabilmente non sarà oggetto di molti articoli scientifici, ma è sicuramente una delle più interessanti...".

I nomi scientifici ufficiali per luoghi e oggetti in tutto il sistema solare - inclusi asteroidi, comete e punti specifici sui pianeti - possono essere designati solo dall'Unione Astronomica Internazionale. Ma gli scienziati che lavorano con i rover Mars della NASA hanno dato parecchi soprannomi non ufficiali alle rocce e ad altre manifestazioni geologiche. In questo modo è più facile per loro dibattere dei diversi oggetti e fare riferimenti in articoli scientifici. Quindi, mentre il nome Rolling Stones Rock è informale, apparirà ciononostante sulle mappe funzionali del Pianeta Rosso.

Il JPL della NASA gestisce InSight per la Direzione della Missione Scientifica della NASA a Washington. InSight fa parte del Discovery Program della NASA, gestito dal Marshall Space Flight Center dell'agenzia di Huntsville, in Alabama. La Lockheed Martin Space a Denver ha costruito il veicolo spaziale InSight, compreso il suo stadio di crociera e il lander, e supporta le operazioni di veicoli spaziali per la missione. Numerosi partner europei, tra cui il Centre National d'Études Spatiales (CNES) francese e il Centro aerospaziale tedesco (DLR), sostengono la missione InSight. Il CNES ha fornito alla NASA lo strumento Sismic Experiment for Interior Structure (SEIS), con il principale investigatore presso l'Institut de Physique du Globe de Paris (IPGP). Contributi significativi per SEIS provenivano da IPGP; il Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) in Germania; l'Istituto federale svizzero di tecnologia (ETH Zurigo) in Svizzera; Imperial College London e Oxford University nel Regno Unito; e JPL. DLR ha fornito lo strumento denominato Pacchetto di flusso di calore e proprietà fisiche (HP3), con contributi significativi dal Centro di ricerca spaziale (CBK) dell'Accademia polacca delle scienze e Astronika in Polonia. Il Centro de Astrobiologìa (CAB) spagnolo ha fornito i sensori di temperatura e vento.

Riproduzione riservata ©
loading...