TRADING

Rischio «secolare» per il 31% delle azioni americane

di Rosalba Reggio

Per gestire le oscillazioni di mercato meglio una gestione attiva o passiva? Ne parla Donato Savatteri Country Head Italy di T.Rowe Price. «La gestione attiva si poggia su grandi risorse di ricerca: più il gestore conosce le aziende più prende decisioni ponderate. Serve dunque una grande piattaforma di gestori, analisti, trader in grado di confrontarsi sulle aziende. I benefici della gestione attiva si vedono soprattutto quando le cose vanno male e i mercati sono turbolenti. Questo perché il gestore che ha talento va oltre i numeri, conosce le aziende, si isola dai rumori e gestisce il disagio». Ma in quali settori investe, oggi, un gestore attivo? Se ne parla in questa puntata di Trading
Riproduzione riservata ©
loading...