Radiocor

Sull’idrogeno verde Abruzzo alla guida della transizione energetica

L’apporto di energia da fonti rinnovabili nella regione Abruzzo è ben oltre al 19% della media nazionale, con una produzione di circa 2 gigawatt nel 2020 la copertura è arrivata il 27% del fabbisogno regionale. Questa è la base di partenza su cui si innesta la strategia che l’Abruzzo con Arap, l’azienda regionale per le attività produttive, sta portando avanti per aumentare gli stock di energia prodotti da fonti rinnovabili. La partnership stretta da Arap a Dubai con Dii desert Energy, network pubblico-privato di dimensioni planetarie sul fronte delle energie rinnovabili permetterà all’Abruzzo di avere una strategia concreta e razionale per garantire energia non solo pulita, ma anche sostenibile economicamente. Questo anche tramite la realizzazione di progetti di produzione di idrogeno verde. L’obiettivo è arrivare nel medio periodo all’indipendenza energetica rispetto alla produzione di paesi terzi. Per farlo l’Abruzzo sta effettuando investimenti diversificati anche su altre fonti rinnovabili come il fotovoltaico, l’eolico, la geotermia e le bioenergie. Un altro passo della strategia energetica regionale sarà la costituzione da parte di enti pubblici e imprese private abruzzesi del primo Gruppo europeo di interesse economico (Geie) sulla produzione dell’idrogeno. Questo strumento previsto a livello comunitario consentirà di partecipare a bandi e accedere ad agevolazioni e opportunità in un settore sempre più strategico come quello dell’idrogeno sul modello di successo, già messo in campo in Francia e Germania.
Riproduzione riservata ©
loading...