Radiocor

Energia da fonti rinnovabili, Abruzzo all’avanguardia con la mobilità a idrogeno

di Aldo Di Cagno

La strategia della Regione Abruzzo per il rispetto degli obbiettivi della transizione ecologica e del Green deal europeo di neutralità climatica entro il 2050 è basata fin dall'inizio sullo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili, anche nell'ottica di una crescita occupazionale. In questo momento d'innalzamento dei prezzi dell'energia legato alla guerra in Ucraina, da un lato la Regione sta lavorando per trovare risorse proprie per dare una forma di ristoro soprattutto a quelle categorie più colpite dal rincaro dei costi dell'energia, dall'altro vuole incentivare e velocizzare il passaggio all'uso di energia da fonti rinnovabili nel rispetto degli iter autorizzativi. Inoltre si sta lavorando a un provvedimento per la costituzione di comunità energetiche per far avere a cittadini un vantaggio economico. Lo spiega l'assessore all'Energia delle Regione Abruzzo, Nicola Campitelli, che indica come la regione ritenga quindi strategica la partnership stretta tra Arap e il network internazionale DII desert energy, che permetterà all'Abruzzo lo sviluppo di impianti di produzione di energia rinnovabile come l'idrogeno, anche nella prospettiva di rendere il territorio e l'Italia sempre più indipendente dal gas russo. L'Abruzzo ha costituito già dal 2021 un tavolo permanete sull'idrogeno coinvolgendo tutti gli interlocutori interessati a questo tema da cui è nato un primo progetto pilota con l'università dell'Aquila e l'azienda di trasporto urbano Tua per lo sviluppo di un motore ibrido a idrometano una miscela di Idrogeno e metano. Nell'ambito della programmazione dei fondi 21/27 la Regione sta predisponendo la concessione di contributi per la produzione di energia green nei nuclei industriali. Questo è un obbiettivo molto importante e strategico e lo è ancora di più se legato allo smaltimento dell'amianto perché permette di conseguire un duplice beneficio uno ambientale/sanitario e l'altro produttivo, trasformando capannoni a volte obsoleti in produttori di energia pulita.
Riproduzione riservata ©
loading...