La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

Italia

Ue, il governo invia lettera a Juncker, Tusk e Stati membri

  • 01:08

Milano, 20 giu. (askanews) - Il governo italiano ha inviato la sua lettera di risposta ai 27 Stati membri dell'Unione europea, al presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker e al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, al termine del Consiglio dei ministri.

Sei pagine in cui il premier Conte ribadisce che l'Italia non si sottrarrà ai vincoli ma anche che è opportuno aprire, adesso senza ulteriore indugio, una "fase costituente", per ridisegnare le regole di governo delle società e delle economie nazionali, riconsiderando modelli di sviluppo e di crescita che si sono rivelati inadeguati di fronte alle sfide poste da società impoverite, attraversate da sfiducia, delusione e rancore".

"Avvertiamo l'urgenza e la necessità di stimolare una discussione che miri e ridefinire la governance economica dell'Eurozona e dell'Unione - ha precisato il premier - che non si è dimostrata adeguata ad assolvere i compiti per i quali era stata pensata. È necessaria - conclude Conte - una revisione, forse anche un'autentica conversione delle regole euro-unitarie per pervenire a un sistema integrato di governo che possa perseguire effettivamente in modo stabile e duraturo, il benessere economico e sociale dei popoli".

Riproduzione riservata ©

Consigliati per te