Virtuale sovrasta reale, mette in crisi il nostro modo di essere