Roma, (askanews) - Sono scesi in piazza, a Genova, gli abitanti che vivono ai confini della zona rossa per denunciare i rischi ambientali conseguenti alla demolizione e alla ricostruzione di Ponte Morandi. A suscitare i timori maggiori, la presenza di amianto all'interno dei palazzi della zona rossa che verranno abbattuti.

I manifestanti, dietro a un grande striscione con scritto "Salute + ambiente = vita", hanno indossato gilet arancioni, colore simbolo dell'area in cui risiedono.

All'iniziativa, organizzata dal 'Comitato abitanti ai confini della zona rossa', hanno aderito anche partiti, sindacati, associazioni di consumatori e diversi altri comitati. Ai cittadini, infine, è stato promesso dal sindaco e commissario Marco Bucci che verranno installate nella zona delle centraline per il monitoraggio della qualità dell'aria.