Con l'avvicinarsi del nuovo anno scolastico le famiglie tornano a fare i conti con le spese per il corredo scolastico: non solo libri di testo, ma anche zaini, quaderni e astucci che spesso fanno lievitare i prezzi, soprattutto se “griffati”. Mentre nei negozi e nei supermercati di tutta Italia già da giorni è comparso tutto l'occorrente per la scuola – da diari e quaderni “low cost” a zaini e astucci “griffati” – le associazioni dei consumatori hanno calcolato gli aumenti dei costi di corredi e libri e a ipotizzare le “stangate” in arrivo a settembre. Per Federconsumatori quest'anno costerà intorno ai 526 euro il corredo scolastico per ogni singolo studente, con un incremento dello 0,8% rispetto al 2017. Nella classifica degli aumenti il primo posto spetta agli astucci e diari legati ai beniamini dei cartoni animati. Più pesanti gli aumenti per secondo il Codacons: mediamente il 2% per penne, diari, quaderni e zaini, ma si arriva al 4% per le marche più richieste dai giovanissimi, legate a squadre sportive, cartoni animati, bambole o personaggi e serie famosi. Ma se si sceglie di non inseguire le mode, dice l'associazione, si può risparmiare fino al 40 per cento.