Se dopo la terza media vuoi scegliere un istituto professionale, ci sono undici indirizzi di studio a disposizione: ecco quali. Si può scegliere «Agricoltura e sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane». Ci sono materie come agronomia, tecniche di allevamento, silvicoltura. Altro indirizzo è «Pesca commerciale e produzioni ittiche». Le materie sono scienze integrate, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, laboratori tecnologici, ecologia applicata alla pesca e all'acquacoltura. Si può puntare su «Industria e artigianato per il made in Italy». Si studiano tecnologie applicate ai materiali e ai processi produttivi e materie tecnico professionali, dai laboratori tecnologici alle tecniche di produzione. Fra le scelte «Manutenzione e assistenza tecnica». Ci sono materie scientifico tecnologiche (tecnologie meccaniche, elettriche) e tecnico professionale (installazione e manutenzione, laboratori tecnologici). Altro indirizzo a disposizione è «Gestione delle acque e risanamento ambientale», caratterizzato dalle discipline di area scientifica (biologia, chimica) e tecnico professionale. C'è poi l'indirizzo «Servizi commerciali». Tra gli insegnamenti “pratici” quelli di area giuridica ed economica (diritto, economia) e tecnico professionale. C'è «Enogastronomia e ospitalità alberghiera» con materie come scienza degli alimenti, seconda lingua straniera, diritto e tecniche amministrative. E laboratori di settore: enogastronomia, pasticceria, sala e vendita, accoglienza turistica. Poi Servizi culturali e di spettacolo: gli insegnamenti dell'area tecnologica e tecnico professionale sono comunicazione audiovisiva, laboratori tecnologici, tecniche di produzione e post produzione, laboratori fotografici e dell'audiovisivo. L'indirizzo «Servizi per la sanità e l'assistenza sociale» propone materie come diritto, economia e l'area scientifica e tecnico professionale (scienze umane e sociali, cultura medico sanitaria, psicologia). C'è l'indirizzo «Arti ausiliarie delle professioni sanitarie Ottico». L'indirizzo è caratterizzato dalle discipline di area scientifica e tecnico-professionale (ottica, discipline sanitarie, esercitazioni di lenti oftalmiche). Poi «Arti ausiliarie delle professioni sanitarie Odontotecnico» con discipline di area scientifica e tecnico-professionale (anatomia, gnatologia, diritto e legislazione, scienze dei materiali, modellazione odontotecnica e laboratorio).

PER SAPERNE DI PIÙ
DOSSIER – La scelta della scuola superiore