Coniugi nigeriani costringevano le vittime a prostituirsi