Per far partire il reddito di cittadinanza entro marzo 2019 ci sono almeno 10 passaggi chiave.
1) I destinatari: sono tutti i poveri assoluti, oltre 5 milioni di individui
2) L'Isee: sarà il parametro di riferimento, con un tetto di 9.360 euro a famiglia
3) La card: sarà lo Stato ad avvisare i beneficiari e ad accreditare l'importo
4) La spesa: ci potrebbero essere dei vincoli etici e temporali
5) Le politiche attive: si dovranno dedicare 8 ore al giorno a impieghi di utilità collettiva
6) I rischi: dopo il rifiuto della terza offerta di lavoro congrua si perde il sussidio
7) Il web: si punta a un sistema in cui le offerte di lavoro viaggiano solo sul canale digitale
8) La durata massima: 3 anni con un “tagliando” a metà percorso
9) Bonus alle imprese: tre “mensilità” a chi assume il beneficiario del reddito di cittadinanza
10) Le verifiche: l'obiettivo è incrociare banche dati che non si parlano

PER SAPERNE DI PIU’
Reddito di cittadinanza: i 10 punti chiave dai destinatari ai controlli (di Francesca Barbieri)

Manovra, Di Maio: decreto a Natale per quota 100-reddito

Reddito di cittadinanza, 18 mesi raddoppiabili. Tensione Lega-M5S

Reddito di cittadinanza: le offerte di lavoro? Solo su web