Roma, (askanews) - "Oggi ragioniamo in modo concreto con gli studenti sul senso della memoria, a Roma ci sono due strade intitolate ai sottoscrittori del Manifesto della razza e quest'anno in cui ricorre l'80esimo anniversario della promulgazione delle leggi sulla razza ho deciso di cambiare nome a queste strade".

Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, intervenendo al cinema romano Andromeda su via Battistini con residenti e studenti delle scuole per discutere del cambio di denominazione di largo Arturo Donaggio e via Edoardo Zavattari, firmatari del Manifesto della razza.

"Voglio che la modifica sia un percorso partecipato - ha proseguito Raggi - in modo che i cittadini sappiano chi erano le persone a cui queste strade erano intitolate e scelgano insieme a noi le persone, gli scienziati, che hanno avuto il coraggio di opporsi e a breve ridenomineranno quelle strade".

"Occorre concentrarsi sul recupero di una memoria che oggi inizia a essere un po' troppo dimenticata - ha concluso la sindaca - noi lo facciamo anche attraverso i viaggi della memoria, continui confronti e attraverso il progetto 'Testimone dei testimoni' con il quale insegnamo ai ragazzi a diventare testimoni di una memoria che non hanno ma che devono studiare e trasmettere".