Il pacchetto pensioni entrerà in manovra con un emendamento: probabile al Senato, ma c'è l'ipotesi di ingresso alla Camera con una modifica di governo o relatori. «Quota 100» (62 anni di età e 38 di contributi) sarà una misura ponte: durerà 3 anni e poi cederà il passo a «quota 41» (di contributi). Previste finestre mobili di 3 mesi nel lavoro privato e 3+3 nel pubblico. Termine che si riduce via via per le uscite successive ai 62 anni e si azzera a 67. Nessun adeguamento alla speranza di vita dei requisiti per l'uscita anticipata con 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini. Dal 2022-2023 arriva il requisito unico per il pensionamento anticipato a prescindere dall'età: «quota 41» per tutti.

PER SAPERNE DI PIÙ
Pensioni a quota 100 solo per 3 anni, poi 41 di contributi per tutti