Catania (askanews) - Ispezione sanitaria a bordo della Diciotti. Sulla nave ormeggiata a Catania sono saliti ispettori del ministero della Salute, dell'Usmaff e della Croce Rossa. Gli ispettori hanno portato con sè prodotti per l'igiene personale.

L'intervento degli ispettori inviati dal ministero, sarebbe stato chiesto dal comandante della nave Diciotti per una valutazione sanitaria medica e per la verifica dei compiti di profilassi internazionale. Dal pattugliatore della Guardia costiera, ormeggiato da cinque giorni con 150 migranti a bordo, la maggior parte dei quali affetti da scabbia, era stata "reiterata la richiesta di autorizzare lo sbarco dei naufraghi soccorsi per l'estrema criticità della situazione a bordo", come emerso da un report del centro nazionale di coordinamento del soccorso marittimo.

Stefano Principato, presidente della Croce Rossa Italiana provincia di Catania, è salito a bordo della Diciotti. "Più che di emergenza sanitaria sarebbe meglio parlare di emergenza psicologica - ha sopttolineato - L'ispezione è stata attivata su richiesta del ministro della Sanità che ha chiesto un controllo sanitario. Ci sono alcuni casi di scabbia e altre patologie diagnosticate, ma sono trattate bene anche perché a bordo della Diciotti c è del personale qualificato. Come Croce Rossa abbiamo fornito kit igienici, felpe, pantaloni e materassini. La nostra presenza sul Molo è a titolo precauzionale".