Roma, 8 ott. (askanews) -

videodoc da 33.45 leggo oggi... fino a 35.23 denaro

"Leggo che oggi lo spread è sopra 300.

Se io volessi pensare male, penserei che chi agita il fantasma

dello spread lo fa perché l'Italia che torna a correre non è una

Italia pronta a svendere le sue aziende". Lo ha detto il

vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, durante la

conferenza stampa a Roma con Marine Le Pen trasmessa su Fb in diretta da AGtw.

Secondo Salvini, dietro l'impennata dello spread "potrebbe

esserci la manovra finaziaria di speculatori alla vecchia

maniera, che puntano sul crollo di un Paese per comprarsi a saldo le azienda sane rimaste, e in Italia sono ancora tante.

A costoro - avverte Salvini - voglio dire a nome del governo che

non torneremo indietro su meno tasse, meno burocrazia, un futuro

per i nostri figli e il diritto alla pensione per chi lo ha

maturato. A chi pensa di speculare sull'economia italiana dico

che perde tempo e perde denaro".