Il decreto varato nella serata di lunedì 15 ottobre dal Governo prevede una pace fiscale a che prevede la possibilità di sanare i redditi non dichiarati degli ultimi anni e non ancora accertati dal Fisco, le contestazioni della Gdf e delle Entrate, oltre agli avvisi di accertamento, le cartelle e le liti fiscali già in corso. Gli esperti stanno analizzando l'efficacia di queste misure sull'operatività dei cittadini e delle imprese, oltre che dell'Erario. Uno dei temi in discussione è quello delle conseguenze sul comportamento dei contribuenti nel prossimo futuro. Ne abbiamo parlato nel corso di un videoforum condotto da Marco lo Conte, durante il quale Francesco Daveri, dicembre di Macroeconomia all'Università Bocconi di Milano, ha spiegato che un condono tira l'altro.

PER SAPERNE DI PIÙ:
Legge bilancio 2019: ecco cosa prevede la manovra del governo

Condono fiscale, 8 strade per sanare: dalle multe ai redditi non dichiarati

Condono: massimo vantaggio sopra 75mila euro, più che dimezzato sotto 22mila

VIDEOFORUM / Manovra, gli effetti sulla crescita economica