Tre quarti dei costi deriva dall'assenteismo lavorativo e/o scolastico