Luigi Di Maio a Piazza pulita (La7) dichiara di «aver dato mandato di stampare» la carta di cittadinanza. Ogni beneficiario riceverà «una tessera a casa e una serie di impegni da prendere». «Ho già dato mandato di stampare le prime cinque o sei milioni di tessere elettroniche», dice il vicepremier. Cosa è stato mandato alle stampe? Il supporto plastificato? Le norme non sono ancora definite nei dettagli. Chiede conto della stampa delle card con un'interrogazione parlamentare il deputato Fi Paolo Zangrillo. Risponde il sottosegretario Durigon: la loro realizzazione è la «logica conseguenza» della volontà del governo di attuare la misura “in tempi più celeri possibili». Chi stampa le tessere? A Otto e mezzo (La7) la sottosegretaria Castelli glissa: “Eh, quando pubblicheremo il progetto completo e avrete il testo si vedrà chi e tutti i dettagli”. Il 29 novembre Di Maio: «Già due settimane fa ho dato ordine al mio staff di lavorare con Poste Italiane per avviare il progetto sul reddito di cittadinanza che include anche la stampa delle tessere. Dunque non c'è alcun giallo». Ergo le card non sono state stampate.

PER SAPERNE DI PIÙ
Il giallo della card per il reddito di cittadinanza

Reddito cittadinanza, Di Maio: Poste Italiane stamperà le tessere, nessun “giallo”