La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

Italia

Europee: da Salvini a Meloni sono 36 i candidati con incarichi incompatibili (se eletti)

di Nicoletta Cottone

Sono 36 - fra parlamentari e consiglieri regionali - i candidati alle europee che ricoprono incarichi incompatibili con quello di europarlamentari. A puntare l'obiettivo sulle liste per le europee del 26 maggio l'associazione OpenPolis. Politici pluricandidati che non siederanno mai
sugli scranni del Parlamento europeo. L'articolo 122 della Costituzione stabilisce non si può essere contemporaneamente a Bruxelles, in Parlamento o in un consiglio regionale. Gli incompatibili se eletti sono 19 consiglieri regionali, 10 deputati e 7 senatori. Fra loro 4
leader politici nazionali: Salvini (Lega), Meloni (Fratelli d'Italia), Bonino (+Europa), Fratoianni (Sinistra italiana). I partiti politici con più candidati coinvolti sono Fratelli d'Italia, con 13 tra consiglieri regionali o parlamentari che corrono per un seggio a Bruxelles, Forza Italia e Lega entrambi con 7, e infine il Partito democratico con 4. Non ci sono pluricandidature nel M5S. Ma c'è anche chi si è candidato senza avere un piano B. È il caso di Massimiliano Smeriglio che ha rassegnato e sue dimissioni da vice presidente della regione Lazio il 17 aprile 2019, in concomitanza con la scelta di candidarsi con il Pd al Parlamento europeo.
PER SAPERNE DI PIÙ
Europee: da Salvini a Meloni sono 36 i candidati con incarichi incompatibili

Riproduzione riservata ©

Consigliati per te