Italia

Ecco perché è sbagliato bloccare i diesel Euro 6


Dopo il dieselgate, i diesel – accusati di inquinare il pianeta – sono stati messi alla berlina nelle grandi città. Se la transizione verso una mobilità green è già in atto, la “caccia alle streghe” contro i diesel ha fatto calare le vendite.
I diesel Euro 6 emettono meno CO2 rispetto ai motori a benzina
La conseguenza è stata un aumento dell’inquinamento sul fronte delle emissioni di anidride carbonica. Il motivo? I diesel Euro 6 emettono meno CO2 rispetto ai motori a benzina e sono fondamentali per il rispetto dei limiti. Diverso il discorso se si parla di diesel di vecchia generazione. La priorità dovrebbe essere quella di svecchiare il parco auto circolante e non di bloccare i diesel Euro 6.
Ventuno milioni di veicoli sono datati
Il parco circolante italiano è costituito da 37 milioni di veicoli. Circa 13 milioni rispondono a normative ante Euro 4 e ben 8 milioni hanno più di 8 anni.
Incentivi per svecchiare
Per Fabrizio Faltoni, presidente di Ford Italia, sarebbe molto più efficace svecchiare il parco auto prevedendo incentivi.
Servono 33 anni per svecchiare il parco auto
Con i ritmi attuali della rottamazione senza interventi strutturali servono 33 anni per eliminare le vetture inquinanti.
Solo il 13% delle emissioni di CO2 imputabile ai veicoli
Secondo l’European Environment Agency solo il 13% delle emissioni di CO2 è imputabile ai veicoli.
Riproduzione riservata ©
loading...