Quattro mesi di fuoco per l’Italia iniziati il 22 febbraio scorso con il rating di Fitch. Il calendario arriverà fino a giugno, quando la Commissione Ue, con la pubblicazione delle raccomandazioni paese, esprimerà il giudizio sui conti pubblici italiani. Qui si capirà se al governo verrà chiesta una manovra correttiva, e di quale entità. Nel mezzo, i rating anche di Moody'S e S&P's, la presentazione del Def, la diffusione dei dati Istat sul Pil e le previsioni economiche di primavera da parte sempre della Commissione Ue. PER SAPERNE DI PIÙ Dal rating di Fitch al giudizio Ue di giugno, 4 mesi di fuoco per i conti pubblici italiani Pil, rischio crescita sotto zero anche nel primo trimestre 2019. Italia appesa alla Bce Istat, crollano i ricavi industriali a dicembre: -7,3% su base annua La Ue vede nero sull'Italia: crescita quasi nulla nel 2019 (+0,2%). Stime tagliate di un punto in 3 mesi