Dopo il crollo del viadotto Morandi di Genova il Governo ha avviato l'iter per la revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia. Il Governo ha inviato la lettera di contestazione che avvia la procedura di perdita di efficacia degli atti giuridici della concessione. Il governo contesta la grave sciagura al concessionario che aveva l'obbligo di manutenzione. Il concessionario ha ora 15 giorni di tempo per far pervenire le proprie controdeduzioni. I vertici della concessionaria pensano a un piano di interventi nella zona del crollo, per le famiglie delle vittime e per chi ha subito danni alle case.


PER SAPERNE DI PIÙ
Genova, governo avvia iter per revoca concessione ad Autostrade. Consob indaga su altalena titolo Atlantia

Crollo di Genova: un nuovo ponte in acciaio entro il 2020 pagato da Autostrade

L'Italia che crolla: dal ponte Morandi al viadotto della Palermo-Agrigento durato 10 giorni