Bruxelles (askanews) - "Venerdì torno a Roma, venerdì si

chiude. Noi abbiamo approvato un testo in Consiglio dei ministri

e il testo deve essere quello": lo ha detto ai cronisti il

presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rientrando in albergo

dopo la cena di lavoro con i capi di Stato e di governo

dell'Unione europea. Il riferimento del capo del Governo è al

caso esploso in giornata a Roma sul testo del decreto fiscale,

modificato da una "manina" secondo il vicepremier Luigi Di Maio;

una eventualità sulla quale i vertici della Lega hanno negato

ogni responsabilità.

Conte ha anche assicurato che non c'è "nessuna frattura" fra Lega e

Movimento 5 stelle.