La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

Italia

Condono sulle cassette di sicurezza: ecco perché Salvini vuole la “pace fiscale”

di Nicoletta Cottone

Fare emergere i soldi fermi nelle cassette di sicurezza: è la nuova proposta di Matteo Salvini di pace fiscale. Tra i primi a denunciare che il vero nodo fosse quello del contante fu il procuratore capo di Milano Francesco Greco. Contante di cui non si conosce la provenienza: nel 2017 Greco aveva ipotizzato 200 miliardi sepolti nelle cassette. Si tratterebbe di soldi contenuti in oltre un milione e mezzo di cassette di sicurezza. L'idea non ebbe seguito: il governo Renzi ritenne che potesse configurare riciclaggio di denaro sporco. La Lega fece circolare nell'estate 2018 un progetto che consentiva il rientro di capitali in contanti o custoditi in cassetta. Il Carroccio ipotizzò una cedolare. Due le aliquote ventilate: il 15 o il 20 per cento. Attualmente solo con un ordine del giudice si può aprire una cassetta di sicurezza.

PER SAPERNE DI PIU’
Condono sulle cassette di sicurezza, Salvini rilancia la vecchia idea della Lega

Salvini annuncia tassa su cassette di sicurezza, poi devia sulla pace fiscale

Riproduzione riservata ©

Consigliati per te