Con il calo del Pil nel terzo trimestre, c'è il rischio che l'economia italiana quest'anno finisca in recessione. I dati Istat evidenziano un calo della domanda interna, sia sul fronte dei consumi e che su quello degli investimenti. Difficile conseguire una crescita dell'1,5% nel 2019 come aveva stimato il governo. Nel corso del prossimo anno, con ogni probabilità, bisognerà rifare i calcoli. Una minore crescita impatta sul deficit e sul debito. Il governo scommette su reddito di cittadinanza e quota 100 per rilanciare la crescita. Ma le misure, appunto, sono una scommessa da verificare sul campo.
PER SAPERNE DI PIÙ
Istat: Pil negativo dopo 4 anni, allarme rosso dagli investimenti

Istat: economia in contrazione (-0,1%), prima volta dal 2014