Immaginiamo Francesco e Lorenzo, due compagni di banco che al termine del percorso di studi superiori decidono di intraprendere strade diverse. Il primo sceglie di lavorare subito, mentre il secondo preferisce iscriversi ad un corso di laurea e quindi sarà occupato con tre anni di ritardo.
Posto che un diploma universitario permetterà a Lorenzo di avere uno stipendio migliore, quanto tempo dovrà passare prima che il suo reddito complessivo raggiunga quello di Francesco? Cioè, detta in altre parole, in quanti anni di lavoro si ripaga una laurea?
Precisiamo da subito che non è possibile dare una risposta univoca alla domanda poiché le variabili sono troppe e spaziano dal genere dei soggetti (le donne – purtroppo – guadagnano nei fatti molto spesso meno dei maschi a parità di impiego), della scelta del corso di laurea/diploma, delle spese necessarie allo studio, dalla tassazione, della diversa occupabilità di un diplomato rispetto ad un laureato, dalla progressione di carriera, dalle opportunità d'impresa, di lavoro autonomo e professionali, eccetera. E inoltre l'arricchimento culturale, di esperienze e di competenze che un percorso universitario fornisce alle ragazze e ai ragazzi è impareggiabile e non può essere valutato solo in termini monetari.