Roma, (askanews) - "Abbiamo trovato l'accordo, la norma sulla prescrizione resta nel ddl anticorruzione e andrà in aula la prossima settimana" ha dichiarato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, uscendo dal vertice a Palazzo Chigi con il premier Giuseppe Conte e i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Il Guardasigilli ha precisato: "Rimane lo stop dopo la sentenza di primo grado per tutti i reati, come avevamo detto". "La riforma prevede l'interruzione della prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Questa verrà approvata subito ed entrerà in vigore insieme a tutta la riforma del processo penale".

L'approvazione della norma per Bonafede è il primo passo della riforma sul processo penale che entrerà in vigore entro il prossimo anno, insieme a quella sulla prescrizione.

Il ministro ha ricordato che quella sulla giustizia "è una battaglia storica del M5s" e sulle tensioni con la Lega: "Ogni volta che usciamo dal Cdm qualcuno mi chiede chi ha vinto e chi ha perso ma accade semplicemente che nel governo ci sono due forze politiche con dna e storie differenti ma che poi si incontrano e riescono a trovare sempre una soluzione nell'interesse del Paese".