Cardiff (askanews) - Sono ore di angoscia per la sorte di Emiliano Sala, 28enne centravanti argentino di origini italiane che si trovava a bordo di un piccolo aereo da turismo considerato scomparso dalla sera del 21 gennaio. Sala era stato appena trasferito dalla squadra francese del Nantes al Cardiff, team gallese che lo aveva acquistato per 17 milioni di euro. Il calciatore era in volo su un Piper Malibu verso il Galles, dove non è mai arrivato.

Dell'aereo si sono perse le tracce sulla Manica e, secondo le ultime informazioni diffuse dalla stampa britannica, potrebbe essere disperso in mare. Già nella notte sono iniziate le operazioni di ricerca, con l'ausilio di elicotteri. E sono riprese questa mattina. Ma dopo alcune ore di ricerca le speranze di ritrovarlo in vita si sono praticamente ridotte a zero:

"Dopo tutto questo tempo, con il freddo anche della temperatura dell'acqua non mi aspetto che si possa trovare qualcuno vivo" ha ammesso John Fitzgerald, responsabile delle ricerche della Channel Islands Air.

Dodici gol in 19 partite di Ligue 1 in questo inizio di stagione, Sala era stato appena ceduto al Cardiff. "Sono molto felice di essere qui. Mi fa molto piacere e non vedo l'ora di iniziare l'allenamento, incontrare i miei nuovi compagni di squadra e mettermi al lavoro", aveva detto sabato, al momento della firma del contratto. E il Nantes aveva appena reso omaggio ad "Emi" pubblicando i suoi gol sul profilo facebook della squadra francese.