E' partito il conto alla rovescia per il via all'obbligo delll'emissione di fattura elettronica per milioni di contribuenti. Un'operazione che consentirà, secondo le stime del governo, di incassare 1,9 miliardi di euro in termini di recupero di evasione fiscale dell'Iva. Dall'obbligo sono esentati, in un primo momento, le partite iva semplificate, i forfettari, medici, infermieri e alcuni altri soggetti. Per tutti gli altri – in particolare per gli esercenti e le piccole imprese – sarà una rivoluzione nell'operatività quotidiana:che può rappresentare qualche difficoltà psicologica o tecnica, ma che offre la possibilità di semplificare molti processi. Tra i primi temi da scegliere, in particolare, la scelta dell'Sdi ossia il sistema di interscambio delle fatture elettroniche: quella dell'Agenzia dell'Entrate o le diverse piattaforme private e a pagamento? E' stato questo uno dei temi trattati nel corso del videoforum organizzato sul sito web del Sole 24 Ore e sulla pagina Facebook del quotidiano. Cui è intervenuto Pierpaolo Ceroli, dottore commercialista
Per saperne di più
Senza la fattura elettronica chi compra non potrà detrarre l'Iva