Norme e Tributi

Anafe contro la contraffazione di liquidi per sigarette elettroniche

I più vulnerabili sono i ragazzi e per questo in campo sono scesi gli alcuni tra gli influencer più seguiti dai più giovani. La campagna punta a mettere in guardia sul consumo di liquidi da sigaretta elettronica comprati al mercato nero fuori dai controlli cui vengono sottoposte le sostanze sul mercato ufficiale. A promuovere l'iniziativa l'Anafe, l'Associazione Nazionale Produttori Fumo Elettronico di Confindustria, che in questo video ha coinvolto la star di Instagram Roberta Carluccio (seguito da 1,4 milioni di follower) e Zoe Cristofoli (460mila). Il video virale punta a prevenire i comportamenti potenzialmente nocivi soprattutto dei più giovani, analogamente a quanto accaduto negli Usa dove la deregulation del settore ha aumentato l'esposizione dei più giovani ai rischi di malattie polmonari. Uno studio pubblicato sull'International Journal of Environmental Research and Public Health e presentato a Roma in occasione della XVI edizione di Romacuore, è stato condotto da Fabio Beatrice, direttore del Dipartimento di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Maxillo Facciale e responsabile del Centro Anti Fumo dell'Ospedale San Giovanni Bosco di Torino. I risultati riabilitano la reputazione delle sigarette elettroniche, di recente messa a dura prova dalle allarmanti notizie che arrivano dagli Stati Uniti. Il monossido di carbonio, se inalato a livelli elevati come avviene durante il processo di combustione della sigaretta, puo' seriamente compromettere l'ossigenazione delle cellule ed essere quindi causa di insorgenza di malattie fumo-correlate.
I casi di malattie legate all'uso delle sigarette elettroniche negli Usa “sono dovuti alla deregulation su questi prodotti negli Stati Uniti, e non potrebbero ripetersi in Europa”. Lo ha affermato durante una sessione del congresso Romacuore Fabio Beatrice.
Riproduzione riservata ©
loading...