Flat tax, fattura elettronica e poi quota 100 per quanto riguarda le pensioni per non parlare di reddito di cittadinanza. Sono molti i temi si cui i rappresentanti delle categorie professionali stanno intervenendo proponendo al Governo modifiche alla legge di bilancio e ai provvedimenti connessi con la manovra. Un'interlocuzione tardiva, giunta a pochi giorni dal voto finale in Senato (la manovra dovrà poi tornare alla Camera dove era già stata varata prima delle correzioni concordate con Bruxelles), ma che forse ha modo di migliorare alcuni aspetti critici che riguardano provvedimenti particolarmente sentiti dalle imprese e dai professionisti. Cruciale il tema delle agevolazioni per le imprese, che vengono complicate enormemente dai nuovi adempimenti prodotti, come sottolineato nel corso di uno dei videoforum del Sole 24 Ore da Giuseppe Buscema, Fondazione studi consulenti del lavoro.
Per saperne di più:
- La «mossa» del taglio di 4 decimali per raffreddare le sanzioni
- Di Maio sdogana la concertazione. La corsa con Salvini per ritessere il filo con le imprese
- Salvini-Di Maio, il duello tra vicepremier per fare pace con le imprese