Mondo

Usa2020, Trump scalpita, ma non ci sono certezze sulla sua salute

Milano, 7 ott. (askanews) - Il presidente Donald Trump dice di fare progressi nel suo recupero dal COVID-19 e ha twittato la sua impazienza di tornare sul sentiero della campagna elettorale, anche se l'epidemia che ha ucciso più di 210.000 americani (con oltre 7,5 milioni di contagi) tocca sempre più ampiamente le alte sfere del governo degli Stati Uniti, incluso uno dei suoi più stretti consiglieri: Stephen Miller. Ma lui minimizza, dice sui social che il virus è meno letale di un'influenza e per questo Facebook e Twitter hanno preso provvedimenti. Mentre il principale esperto statunitense di malattie infettive, Anthony Fauci ha dichiarato pubblicamente che il focolaio alla Casa Bianca si poteva evitare.

Secondo il medico curante di Trump, il comandante della Marina, Sean Conley, il presidente ha avuto un lunedì sera "riposante" alla Casa Bianca e "non riferisce alcun sintomo". Tuttavia è ancora contagioso. E mentre il capo della Casa Bianca minaccia di frequentare il dibattito della prossima settimana con il democratico Joe Biden a Miami, Conley sottolinea che a causa dell'insolito livello di trattamento di Trump, così presto dopo la scoperta della sua malattia, il presidente si trova in "un territorio inesplorato" e non sarebbe completamente "fuori dai guai" per un'altra settimana. Il coronavirus può essere imprevedibile e Conley ha notato che può diventare più pericoloso man mano che il corpo risponde.

Nel frattempo si svolgerà il dibattito tra il vicepresidente Mike Pence e la sua sfidante democratica, senatrice della California Kamala Harris. Per ora la disfida è su un divisorio in plexiglas che la seconda ha preteso per essere separata dal primo, sempre negativo ai test, ma spesso in contatto con positivi. Il risultato di Pence non è certo una formalità, in quanto il 74enne Trump combatte il Covid, e diventerebbe presidente in caso di serie complicazioni della salute del capo di stato. Stessa cosa per la Harris, visto che Biden, a 77 anni, se vincesse, sarebbe la persona più anziana a diventare presidente degli Stati uniti d'America.

Riproduzione riservata ©
loading...