Mondo

Usa, incendi in Oregon: decine di persone considerate disperse

Roma, 12 set. (askanews) - Decine di persone sono considerate disperse dopo gli incendi che in Oregon hanno provocato lo sfollamento di oltre mezzo milione di abitanti, secondo quanto comunicato dalla governatrice Kate Brown, che ha implorato le famiglie di stare lontane dalle zone del fuoco, nonostante vi siano notizie di numerosi saccheggi.

I focolai, alimentati anche dai venti secchi, sono diversi e almeno uno è di origine dolosa. Il direttore per la gestione delle emergenze ha dichiarato di essere pronto a far fronte a un "evento mortale di massa".

Lo scenario è apocalittico: al momento il bilancio ufficiale è di quattro vittime in Oregon e 11 altrove. Sono infatti almeno 100 gli incendi che stanno devastando ettari di terreno in 12 stati degli Stati Uniti.

Più di 20mila i vigili del fuoco intervenuti, provenienti da tutto il Paese, per domare i roghi massicci in California, Oregon e Washington. "Prevediamo che il numero di morti potrebbe aumentare man mano che torniamo nelle zone devastate dalle fiamme e, ovviamente, il fumo comincia a schiarirsi", ha avvertito il governatore della California Gavin Newsom, mentre visitava una foresta bruciata.

Riproduzione riservata ©
loading...