Mondo

Usa 2020, autorità federali: le elezioni più sicure di sempre

Milano, 13 nov. (askanews) - Sono state le elezioni più sicure della storia americana. A sostenerlo le autorità governative responsabili del voto negli Stati Uniti alle prese con il post elezioni più spiazzante di sempre, col presidente uscente Trump che non ha ancora ufficialmente concesso la vittoria a Biden. "Non ci sono prove che un solo seggio abbia perso o cancellato voti o li abbia in qualche modo compromessi" ha detto la Commissione federale, smentendo ufficialmente Trump che continua a parlare di frodi, snocciolando numeri falsi. Come in questo tweet, bloccato dallo stesso social network che è intervenuto per l'ennesima volta.

E mentre Biden incassa le congratulazioni da mezzo mondo, ultimi Papa e Cina, conquista ufficialmente gli 11 grandi elettori dell'Arizona, non succedeva dal 1996 ad un democratico, e comincia a delineare il suo staff, Trump perde sostegno da qualche pezzo di partito. Un coro sempre più ampio di repubblicani comincia a chiedere che si dia il via ad una transizione, a cominciare dal passare a Biden i briefing sulla sicurezza nazionale, cosa che Trump gli sta negando.

"Il presidente non ama perdere", ha detto Barack Obama proprio su questo punto in una intervista alla Cbs in occasione dell'uscita delle sue memorie. Ma "sono molto più preoccupato dal fatto che altri repubblicani gli vadano dietro. Un altro passo nella delegittimazione non soltanto della prossima amministrazione Biden ma della democrazia in generale, è una strada pericolosa".

Riproduzione riservata ©
loading...