Mondo

Turchia al voto domenica: Erdogan per la prima volta vulnerabile

Milano, 12 mag. (askanews) - Turchia al voto domenica per le politiche e le presidenziali in quella che si prospetta come la tornata elettorale più difficile degli ultimi vent'anni per il capo di stato uscente e leader fin qui indiscusso della politica turca, Recep Tayyip Erdogan. Dopo due decenni al potere i sondaggi lo danno in un serrato testa a testa con Kemal Kilicdaroglu, il leader del Partito Repubblicano del Popolo (Chp) a cui fa riferimento una coalizione di sei partiti.

Il 14 maggio si gioca la prima battaglia per la guida dello Stato: nessuno dei quattro candidati, compreso Erdogan, sembra davvero avere la possibilità di superare il 50% delle preferenze già al primo turno, ed è dunque dato come molto probabile il ballottaggio fissato per il 28 maggio.

Nelle politiche, secondo i sondaggi, la formazione di Erdogan, l'Akp, dovrebbe mantenere la maggioranza.

"Mi fido di voi, lavorerò per voi, combatterò per voi. Porterò pace e tranquillità in questo paese. Andrà bene", ha detto nel suo ultimo comizio Kilicdaroglu. Cconomista di 74 anni, è riuscito a mettere d'accordo un fronte molto etereogeneo, composto da nazionalisti, liberali e socialdemocratici, coeso su un programma che prevede il superamento dell'iperpresidenzialismo, l'istituzione di un sistema centrato sul parlamento, la rimozione del potere di veto presidenziale, il ripristino dell'indipendenza della Banca centrale e il rafforzamento dello stato di diritto.

Una vittoria dell'opposizione potrebbe tuttavia non portare ad un'immediato trasferimento dei poteri: se il divario non fosse netto Erdogan potrebbe decidere di contestare i risultati.

Riproduzione riservata ©
loading...