Mondo

TTG a Rimini: nel 2020 tornerà a crescere il turismo in Italia

  • 02:43

Roma, 10 ott. (askanews) - Dopo una leggera battuta d'arresto nel 2019, il turismo in Italia il prossimo anno sarà in ripresa. L'auspicio degli operatori è superare la soglia dei 62 milioni di visitatori, un trend che vale 42 miliardi di euro. I numeri sono stati diffusi a Rimini fiera dove si è svolto un triplice appuntamento: il TTG Travel Experience, con gli operatori dei pacchetti vacanza, SIA Hospitality Design dedicato alle strutture alberghiere, e SUN Beach&Outdoor Style per il turismo all'aria aperta.

Il presidente di Enit, Giorgio Palmucci: "Nel 2018 e nel 2019 il numero di turisti stranieri venuti in Italia è stato in crescita intorno al 3% sui dati fino al terzo trimestre, mentre in Spagna sono in calo, quindi siamo in controtendenza rispetto al paese che è al primo posto in Europa come bilancia turistica nazionale. Ciò non toglie che ci sia molto da fare. Dobbiamo lavorare in maniera coordinata".

Alla cerimonia ha partecipato anche la sottosegretaria alle Attività Culturali con delega al Turismo, Lorenza Bonaccorsi, che ha ricordato l'importanza di una raccolta precisa dei dati sul turismo per impostare politiche in grado di fare bene al settore. "Parliamo di un settore che dà il 13% del Pil nazionale, che arriva a quasi il 15% dell'occupazione totale, quindi un settore importantissimo per il nostro Paese e su cui investire e lavorare. Investire in turismo e cultura fa sempre bene al nostro Paese".

A Rimini spazio agli operatori stranieri che propongono mete esotiche, ma un focus particolare sul turismo invernale ormai alle porte. La montagna - secondo i dati diffusi - nel 2018 ha portato nella Penisola 3,4 milioni di turisti internazionali e quasi 15 milioni di pernottamenti, il 3,7% in più rispetto al 2017.

Testimonial d'eccezione Giorgio Rocca, il pluripremiato sciatore italiano. "E' in arrivo la neve quindi la parte di orientamento della gente è per la montagna, per la neve per lo sci". "Si aspettano e cercano di andare in luoghi dove trovano il bel albergo, l'accoglienza e dove tutti i servizi che offre la montagna vengano proposti in un'unica soluzione". "In vista dei mondiali di Cortina 2021 questa sarà una stagione di transizioni, dove si farà solo la coppa del mondo, non olimpiadi o mondiali, però siamo molto forti e speriamo bene".

Riproduzione riservata ©
loading...