Mondo

Trump a Kenosha: proteste pacifiche? No, è terrorismo interno

Kenosha, 2 set. (askanews) - Donald Trump è andato in visita a Kenosha, la cittadina del Wiscounsin dove da giorni infuria la protesta in seguito al ferimento del 29enne afroamericano Jacob Blake da parte della polizia. Una occasione per il presidente degli Stati Uniti per lanciare accuse contro i dimostranti e contro i democratici, che amministrano la città. Colpevoli secondo Trump di non aver fatto appello al governo centrale.

"Sfortunatamente sono passati alcuni giorni. Loro non volevano che venissimo sul posto. Ecco, quindi, la distruzione. Un giorno prima e avremmo salvato i vostri negozi", ha detto Trump parlando dalle strade devastate.

Il presidente statunitense si è impegnato ad aiutare la cittadina di Kenosha nella ricostruzione. La Casa Bianca ha annuciato che verranno stanziati un milione di

dollari per le forze dell'ordine, quasi 4 milioni di dollari alle piccole imprese danneggiate e altri 42 milioni per i servizi di sicurezza in generale.

Sempre da Kenosha, infine, Trump ha lanciato la sua accusa ai dimostranti: "Questi non sono atti di manifestazioni pacifiche ma davvero di terrorismo interno".

Riproduzione riservata ©
loading...