Lo rivela uno studio dell'Istituto di neuroscienze Uni-Ulb, in Belgio