Mondo

Negoziati in Afghanistan: 5 donne faccia a faccia coi talebani

Milano, 31 ago. (askanews) - Dopo aver subito il peggio del regime talebano, 5 donne afgane stanno ora per incontrarli faccia a faccia col difficile compito di trovare una pace duratura dopo 40 anni di guerra. Sono le 5 negoziatrici che fanno parte, insieme ad altri 36 uomini, della delegazioni del governo chiamata a trovare un'intesa con gli uomini che per anni le hanno private di libertà e diritti, del loro stesso corpo, nascosto sotto i burqa.

"Dobbiamo cominciare con la mente completamente neutrale - commenta una di loro, Fatima Gailani - perché se arriviamo lì con la mente con altri pensieri nella nostra testa sarà difficile negoziare. È importante ascoltare con mente aperta, aspettare e vedere come comincerà.

La cosa più importante sottolinea, ora è arrivare ad un cessate il fuoco per "portare tranquillità alle persone in Afghanistan". Con lei concorda la collega Habiba Sarabi.

"Era davvero orribile - premette, ricordando i tempi dei talebani al potere - picchiavano le donne, che non potevano neanche uscire di casa. Quindi sì, è stato orribile ma stiamo perdendo la nostra gente: soldati, civili, bambini. Ogni giorno c'è un spargimento di sangue e noi dobbiamo fermarlo. Dobbiamo andare avanti per mantenere la speranza"

Aggiunge che la sua presenza insieme con le altre colleghe nella delegazione "È un grande successo perché abbiamo la nostra voce al tavolo dei negoziati", ma precisa "non siamo contente, non è abbastanza".

Riproduzione riservata ©
loading...