Al Salem, 26 mar. (askanews) - "Le missioni internazionali per noi sono uno strumento indispensabile per contribuire alla pace e alla stabilizzazione delle aree intorno all'Italia perché attraverso le missioni e portando pace e stabilizzazione possiamo portare pace e sicurezza anche nel nostro Paese". Così il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta parlando in Kuwait a margine dell'incontro con i militari dell'Aeronautica Militare italiana schierati nella base aerea di Al Salem, nell'ambito della missione "Prima Parthica" di supporto alla coalizione internazionale a guida statunitense nella lotta all'Isis.

"Questa missione - ha concluso il ministro - è particolarmente importante perché ci ha consentito di portare il nostro contributo alla lotta contro l'Isis perché attraverso i nostri assetti aerei siamo riusciti ad avere quelle informazioni che poi consentono a chi decide e a chi deve intervenire di avere il vero potere aereo".

Il ministro Trenta ha voluto salutare gli uomini e le donne dell'Aeronautica Militare nella giornata in cui in Quwait si è svolta la cerimonia di avvicendamento tra i velivoli italiani Amx e gli Eurofighter che per la prima volta verranno impiegati in teatro operativo con il ruolo di ricognitori fotografici.