Mondo

Lo chef belga si reinventa con il drive-in per clienti in camper

Roma, 30 nov. (askanews) - Aprire non si può, causa pandemia, ma il Covid non impedisce di reinventare il proprio ristorante, servendo i clienti direttamente nel parcheggio del locale a bordo di un camper.

Nella loro casa mobile, una coppia degusta un piatto di frutti di mare accompagnato da vino bianco. Questa sera sono più di una decina i camper parcheggiati davanti al "Matthias and Sea", ristorante di pesce di Tarcienne, nel sud del Belgio.

"Siamo venuti nell'unico ristorante del Belgio aperto

- spiega la cliente Francoise Gendebien - con una formula inedita che ci ha divertito e affascinato".

"Approfittiamo del nostro camper. Possiamo finalmente andare a mangiare da qualche parte - aggiunge il cliente André Deckx - anche se è sulla nostra tavola. Ma siamo serviti come un re, almeno lo spero".

Il rischio contagio è praticamente nullo, il cameriere porta i piatti dalla cucina, avvolti nell'alluminio, fino alla porta del veicolo, mantenendo sempre le distanze. Per le prenotazioni spiega:

"Vi lascio qui il menu, c'è un numero di telefono. Voi siete il camper numero 31, meglio precisarlo a ogni ordinazione. L'antipasto e la portata arriveranno in contemporanea, per facilitare il servizio in cucina. Per tutto il resto inviate un sms quando volete".

Un'offerta nuova, sicuramente originale, ideata da uno chef belga, Mattia Collu:

"Andando a fare delle consegne la mattina, vedevo dei camper e mi sono detto 'perché portare ogni volta dei vassoietti, creare degli imballaggi etc. Quando la gente ha la comodità dei loro camper e possono venire da noi e stare all'interno dei loro camper".

Non solo ristorante nel parcheggio, ma anche hotel, chi vuole può infatti fermarsi a dormire e chi non ha il camper può affittarlo.

Riproduzione riservata ©
loading...