Mondo

Libia, Serraj vuole cedere il potere a nuovo governo

Milano, 17 set. (askanews) - Il capo del governo libico sostenuto dalle Nazioni Unite ha dichiarato di voler cedere il potere a una nuova amministrazione in ottobre, durante i colloqui di pace a Ginevra per porre fine al conflitto che dura da anni. Fayez Serraj ha affermato che i colloqui, mediati dalle Nazioni Unite, tra le fazioni rivali hanno portato a una "nuova fase preparatoria" per unificare le istituzioni libiche e prepararsi alle elezioni parlamentari e presidenziali.

"Annuncio a tutti il mio sincero desiderio di consegnare i miei poteri alla prossima autorità esecutiva, entro e non oltre la fine del prossimo ottobre", ha dichiarato in un discorso televisivo da Tripoli.

La Libia ricca di petrolio è precipitata nel caos quando una rivolta sostenuta dalla NATO nel 2011 ha rovesciato il Muammar Gheddafi, che in seguito è stato ucciso. Il Paese si è spaccato tra est ed ovest, ciascuna parte sostenuta da gruppi armati e governi stranieri.

Il comandante militare orientale Khalifa Haftar ha lanciato un'offensiva nell'aprile 2019 cercando di prendere Tripoli. Ma la campagna è fallita a giugno quando le milizie che appoggiano il governo sostenuto dall'ONU, con un forte sostegno turco, hanno preso il sopravvento, guidando le forze dalla periferia della capitale e da altre città occidentali.

Sotto la forte pressione internazionale, i delegati dei fronti rivali si sono incontrati all'inizio di questo mese e hanno concordato un accordo preliminare che mira a guidare il paese verso le elezioni entro 18 mesi e smilitarizzare la città contesa di Sirte, porta di accesso ai principali giacimenti petroliferi e terminali di esportazione della Libia.

Riproduzione riservata ©
loading...